L'altra metà del mercato: Raicevic, Greco, Parigini, quante ombre

 di Davide Giangaspero  articolo letto 7925 volte
foto di Saverio De Giglio
foto di Saverio De Giglio

Ancora in ritardo. Dietro nelle gerarchie di Colantuono, mai o quasi mai protagonisti in maglia biancorossa. Nemmeno contro il Trapani hanno lasciato il segno, immobili come il resto della squadra. Peccato, perché su Filip Raicevic il Bari aveva speso larga operatività sul mercato. Addirittura due sessioni son servite per portare il centravanti montenegrino in Puglia, ancora a secco e mai convincente con la nuova maglia.

Era fuori in Sicilia per infortunio Greco. Un problema, di natura fisica appunto, che sembrava rappresentare già ai nastri di partenza della sua avventura in biancorosso il vero handicap su un profilo ben quotato, curriculum alla mano. E invece anche per Greco pochissime sono state finora le chance e già tanti, soprattutto, i forfait.

Gioca a singhiozzo Parigini. Forse, proprio per statura dei suoi mezzi, la principale delusione fin qui. Benissimo soltanto contro il Brescia. Anche ieri non ha rovesciato il suo destino (e, magari, quello del Bari) con giocate davvero degne di nota. Non se la passa molto meglio Salzano, out per infortunio da due turni, al pari di Morleo, altro volto nuovo (e non totalmente espresso) della campagna invernale. L'altra metà del mercato, che non sorride.