Saranno famosi - Per gli under del Bari buon inizio: tutte le medie...

26.10.2018 20:00 di Raffaele Digirolamo  articolo letto 8088 volte
 Saranno famosi - Per gli under del Bari buon inizio: tutte le medie...

L'entusiasmo, la grinta e la voglia di far bene sono fondamentali in un campionato particolare e difficile come la Serie D, nella quale la regola degli under rende fondamentale la presenza di giovani di talento in rosa. E allora, come hanno affrontato l'avvio di campionato i giovani biancorossi? Lo scopriamo attraverso un'analisi delle loro prestazioni, affiancata al numero di partite giocate ed alla media voto ottenuta nelle pagelle di TuttoBari.

DAVIDE MARFELLA - Il portiere scuola Napoli non ha sentito la pressione data dal debutto in una piazza importante come quella biancorossa. Nonostante la giovane età (classe 1999) l'estremo difensore biancorosso è arrivato nel capoluogo pugliese con alle spalle già due esperienze fra i dilettanti, si è calato benissimo anche nell'ambiente barese ed ha iniziato con sicurezza il campionato, subendo solamente due gol in sei partite. (6 presenze; m.v. 6,16)

NICOLA ALOISI - Padrone assoluto della fascia destra nelle prime giornate di campionato, ora costretto a lasciare il posto a Turi a causa di un infortunio. Il suo appoggio in fase offensiva è stato importante nello sviluppo della manovra biancorossa, ma le sue prestazioni sono state convincenti anche in fase difensiva. L'unica nota negativa del suo avvio di campionato è data dalla trasferta di Marsala, in cui è apparso in affanno, come del resto tutto il comparto difensivo. (7 presenze; m.v. 5,9)

LUIGI D'IGNAZIO - Il gol contro la Cittanovese ha sbloccato la stagione del terzino sinistro, apparso, fino ad allora, leggermente in difficoltà ed in discussione. Da lì in poi un proseguio di stagione assolutamente positivo, in cui è stato utile sia in fase di spinta che in copertura. (5 presenze; m.v. 6,1)

ENRICO PIOVANELLO - L'avvio dell'esperienza biancorossa gli regala la prima rete in carriera, realizzata contro la Sancataldese. Il centrocampista, classe 2000, ha iniziato la stagione con classe e personalità, migliorando partita dopo partita. Una crescita costante, che gli ha permesso di scalare in pochissimo le gerarchie della mediana biancorossa e ad essere utilizzato quasi sempre dal primo minuto. (6 presenze, m.v. 6.3)

CHRISTIAN LANGELLA - Inizia la stagione con i gradi di titolare, disputando partite di alto livello sia contro il Messina che contro la Sancataldese. Sembrava poter essere uno dei crack del nuovo corso, ma ad eccezione delle prime due gare il suo rendimento è rimasto leggermente sopra l'ordinaria amministrazione, e Cornacchini ha iniziato ad utilizzarlo con minore frequenza. Il talento, però, c'è, ed alla lunga potrà uscire. (5 presenze; m.v 6,1)

COSIMO NANNINI - Partito come alternativa a D'Ignazio, quando gli vengono concesse opportunità gioca partite sempre a ridosso della sufficienza. In avanti riesce ad essere spesso propositivo e pericoloso, ma nei momenti in cui è necessario rientrare finisce per andare spesso in difficoltà. (5 presenze; m.v. 5,6)

OVIDIJUS SIAULYS - Il secondo portiere biancorosso non ha sfigurato nell'unica occasione in cui è stato chiamato in campo, ovvero nella sfida di Coppa Italia contro il Bitonto. Si parlava di un possibile ballottaggio con Marfella, ma un problema al testicolo destro, per il quale verrà operato martedì, ne ha frenato l'ascesa. (1 presenza; m.v. 6).