Ha giocato sia nel Bari che nel Teramo, l'ex terzino Alessandro Del Grosso è intervistato da tuttocalciopuglia.com sull'incrocio in programma domenica: "Sarà una bella sfida, tra due mister che conoscono molto bene ,la categoria. Ma il Bari, adesso, gioca bene ed ha individualità che possono fare la differenza. i galletti possono ancora insediare il vertice".

A domanda su eventuali calciatori che gli assomigliano nella rosa attuale del Bari, Del Grosso risponde: "Ce ne sarebbero un paio, stanno rendendo bene tra l'altro. Perrotta? Può essere, ma preferisco non fare preferenze. Lui però è un terzino di spinta, come me".

Ricorda Fascetti... "Ricordo ancora quando mi dava le cassette di Rui Costa, Zidane... dovevo studiarmeli bene. Mi incoraggiava dicendo: adesso tocca a te! Ce ne sono pochi di allenatori come lui. Mi diceva sempre di crederci, di andare sul pallone. Finché non attraversava completamente la linea di porta. Questo concetto l'ho fatto mio anche dopo".

"Ricorderò sempre il grande attaccamento della città verso la squadra - prosegue Del Grosso - Spirito che ho ritrovato volentieri anche in questi ultimi anni. In difesa ho potuto contare su validi compagni di reparto, De Rosa, Neqrouz su tutti. Di De Rosa apprezzavo molto la sua eleganza, il suo stile. Era bello da vedere mentre giocava. Ma il compagno cui ero legato maggiormente era Masinga. Sapevo non stesse molto bene, la notizia della sua scomparsa mi ha lasciato grande tristezza".

Sezione: Gli ex / Data: Ven 22 Novembre 2019 alle 09:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print