Nella gara con la Vibonese Mirco Antenucci ha realizzato la settima marcatura personale in campionato, con un tiro dalla distanza a porta vuota ma dal coefficiente di difficoltà elevatissimo.

Nel pomeriggio l'ex Spal è intervenuto ai microfoni di RadioBari, commentato così la partita di domenica: "Sicuramente era una gara che volevamo vincere, volevamo i tre punti assolutamente e non ci siamo riusciti. Sapevamo che la Vibonese fosse una buona squadra che gioca un bel calcio. Bisogna migliorare tanti aspetti, secondo me soprattutto la concentrazione perché saranno da qui alla fine tutte partite difficili. Le squadre che incontrano il Bari aumentano l'agonismo e la voglia di vincere e noi dobbiamo essere ancora più preparato di loro, sia tatticamente che mentalmente".

Sulla Reggina...: "Inizia ad essere un bel distacco. Il campionato è lungo e abbiamo tempo per recuperare. Non c'è però più tempo per sbagliare, perché loro le stanno vincendo tutte. Dobbiamo correre anche noi e cercare di fare meno errori possibili".

Sul suo campionato...: "Non si è mai soddisfatti, nel senso che si può fare sempre di più a livello personale che di squadra. Non penso alle mie realizzazioni, ma al contributo che do alla squadra. C'è da migliorare, lo sappiamo. Con Vivarini abbiamo una nostra identità facendo cose giuste. Ognuno di noi deve dare qualcosa in più. Non dal punto di vista dell'impegno, perché tutti danno cuore e anima, ma dal punto di vista della concentrazione. Noi grandi possiamo dare una mano, ma deve venire da ognuno di noi il fuoco dentro di migliorarsi individualmente. Deve venire la voglia di non voler giocare più in Serie C ma in Serie B".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 5 Novembre 2019 alle 15:05
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print