Ventinove novembre 2017. Ai più, questa data non dirà nulla. Ma si tratta del giorno dell’ultima gara giocata dal Bari nella Coppa Italia maggiore. In quell’occasione, contro il Sassuolo, i biancorossi persero per 2-1 al “Mapei Stadium” di Reggio Emilia, abbandonando la competizione. I ragazzi di Grosso, dopo aver recuperato l'iniziale svantaggio, firmato Falcinelli, grazie ad un rigore di Nenè, vennero puniti oltre i loro demeriti da una magia di Politano in pieno recupero. Nessuno, all’epoca, si sarebbe aspettato che, per vedere i galletti competere nuovamente per il trofeo nazionale, i tifosi avrebbero dovuto attendere tre anni.

Invece, così è stato, complice il fallimento del club e l’inopinata discesa in D. I ragazzi di Vivarini, ora, sono concentrati sull’obiettivo serie B, e sull’imminente discesa in campo per i playoff. Ma, un obiettivo stagionale è stato già centrato, a prescindere dall’esito degli spareggi. Infatti, il secondo posto in graduatoria nel corso della stagione regolare garantisce comunque, alla società ed ai suoi supporters, di partecipare alla manifestazione nella prossima annata sportiva, che avrà come sponsor commerciale un colosso come Coca-Cola. Una possibilità di confrontarsi con i grandi del calcio italiano, in attesa di arrivare, prima o poi, alla massima serie.

I pugliesi, che per tre volte nella loro storia sono arrivati fino alle semifinali del torneo, possono sognare.

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 04 luglio 2020 alle 16:00
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print