Sono state diramate in giornata le decisioni del Giudice Sportivo relative all'ultimo turno di C. Era nell'aria, adesso è ufficiale, il 3-0 a tavolino per la Reggina.

Nelle motivazioni si legge: "la gara in oggetto non si è disputata per decisione del direttore di gara il quale, dopo aver constatato che il soggetto indicato come allenatore nella distinta presentata dalla società Rieti (signor Pezzotti Lorenzo) non risultava abilitato a ricoprire detta funzione né era provvisto di autorizzazione in deroga da parte della Lega, invitava la società Rieti a regolarizzare la propria distinta indicando un allenatore abilitato, - che trascorsi 45 minuti dall'orario di inizio di gara, a fronte della mancata regolarizzazione, l'arbitro non dava inizio alla gara RILEVA - che appare comprovata la responsabilità della società Rieti che, con il suo comportamento omissivo, quale documentato dagli atti ufficiali, ha impedito la regolare effettuazione della gara; - che nella fattispecie, la società Rieti appare sanzionabile sia a norma del primo comma dell'art. 10 CGS, sia a norma del quarto comma del medesimo articolo, non essendosi la stessa presentata in campo (in condizioni idonee a disputare la gara) nei termini previsti dal regolamento TANTO PREMESSO DELIBERA - di sanzionare la società RIETI con la perdita della gara in oggetto con il risultato di 0-3 - di infliggere alla medesima società l'ulteriore sanzione della penalizzazione di un punto in classifica".

Multato il Bari, "perché propri sostenitori, in campo avverso, introducevano e facevano esplodere nel proprio settore due petardi, senza conseguenze (r.proc.fed., r.c.c.)".

Due giornate di squalifica e ammenda di 500 euro a Cacioli, componente dello staff biancorosso "per comportamento irriguardoso nei confronti della terna arbitrale (panchina aggiuntiva, r.A.A.)".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 19 Novembre 2019 alle 16:20
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print