Marfella, lo scugnizzo pararigori: certezza presente e futura

05.12.2018 19:00 di Alessio D'Errico  articolo letto 5475 volte
Marfella, lo scugnizzo pararigori: certezza presente e futura

Status da under ma incidenza da senatore: Davide Marfella si è preso la porta del Bari e la sta blindando con enorme maturità e tantissima sicurezza in una prima parte di stagione che sta esaltando tutto il pacchetto difensivo dei biancorossi anche grazie alle prestazioni del calciatore di proprietà del Napoli.

Aggregato alla rosa di Ancelotti nel ritiro estivo di Dimaro e terzo portiere del Napoli prima del passaggio al Bari, Marfella si è preso di prepotenza la maglia da titolare risultando un fattore decisivo nel record difensivo che la compagine di Cornacchini sta costruendo. Col rigore parato a Simonetti nella sfida alla Nocerina, che ha permesso il nono clean sheet in 13 partite, Marfella si è preso anche l’appellativo di pararigori: sono 2 su 4 i tiri dagli 11 metri già neutralizzati dall’estremo difensore biancorosso. Una tradizione, quella dei pararigori, che ha a Bari un padrone assoluto: Jean-François Gillet, idolo, capitano e barese d’adozione che ha contribuito alla scrittura delle pagine più rosee del club pugliese.

Scugnizzo che studia da grande, solidità da portiere esperto e futuro raggiante davanti a sé: Marfella blinda la porta del Bari e si candida ad essere uno dei pilastri, presenti e futuri, della risalita biancorossa.