Tra i tantissimi calciatori che hanno indossato la casacca del Bari, alcuni hanno un fattore comune: il cognome. In questa nona puntata della rubrica omonimi in biancorosso, si parlerà dei Langella.  

Il primo è stato Antonio, prelevato nell'estate 2009 in comproprietà con l'Udinese. Un esterno d'attacco con una grande esperienza in Serie A, perfetto per la compagine biancorossa appena risalita dalla cadetteria. Tuttavia dopo un impatto più che discreto, 9 presenze nelle prime 13 giornate di campionato, viene messo fuori rosa dal tecnico Ventura a causa di un alterco nella trasferta di Roma (3-1 in favore dei giallorossi). Nei mesi successivi la società non riuscì a ricucire lo strappo e Antonio rimase così inattivo per quasi due anni, risolvendo il contratto solo nel settembre 2011 e ritirandosi dal calcio giocato. 

Nettamente migliore il contributo di Christian. Il giovanissimo centrocampista, classe 2000, ha militato a Bari nello scorso campionato di Serie D. Arrivato in prestito dal Pisa per rimpolpare la batteria degli under, è risultato tra le sorprese più gradevoli della stagione, scalando rapidamente le gerarchie della mediana, che ai nastri di partenza lo vedevano relegato ai margini. Il tutto confermato dai numeri collezionati al termine dell'annata: 28 apparizioni (12 da titolare) e soprattutto 3 reti, di cui due decisive nelle vittoriose trasferte in terra siciliana contro Acireale (galletti in 9 uomini) e Gela. 

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 26 maggio 2020 alle 11:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print