Nonostante la situazione attuale che pervade l’Italia intera, e l’incognita sul futuro del campionato di Serie C, resta sempre aperta l’ipotesi playoff per decretare la quarta promozione. In tal caso, il Bari non si dovrebbe solamente preoccupare di squadre degli altri tabelloni, perché anche nel girone C ci sono alcune compagini che hanno espresso un gioco sprizzante, mettendo in difficoltà i biancorossi nei crocevia stagionali. L’esempio più lampante è il Monopoli.

I gabbiani pugliesi, da cinque anni in Serie C, stanno disputando la loro migliore stagione dopo il fallimento del 2010, e si trovano attualmente al terzo posto del girone C, a quota 57 punti, a sole 3 lunghezze dal Bari.

Il gioco dinamitardo dei biancoverdi, rivelazione del campionato, è rimasto sempre una costante, e i tifosi baresi ne hanno avuto la prova nei due incroci stagionali, terminati entrambi in pareggio, ma che hanno seriamente messo a repentaglio la striscia di risultati positivi dei galletti.

Al contrario del Bari, il Monopoli è la squadra che ha ottenuto meno pareggi in campionato, fermandosi a 3 risultati neutri. La squadra allenata da Scienza ha avuto un rendimento più proficuo fuori casa, dove ha messo a referto 10 vittorie su 14 partite, realizzando 20 gol. Da evidenziare soprattutto la vittoria per 2-0 sul campo della capolista Reggina, che prima di quell’incontro aveva perso al Granillo solo contro la Virtus Francavilla.

È difficile individuare delle precarietà nell’annata dei pugliesi; analizzando i numeri, però, risultano sicuramente pesanti nel bilancio della classifica le 6 sconfitte casalinghe, durante le quali il Monopoli ha segnato solo un gol, restando a secco per i restanti cinque match.

La verve nel gioco del Monopoli è dovuta soprattutto al 3-5-2, grazie al quale gli uomini di Scienza mettono in pratica delle tattiche basate sulle verticalizzazioni e sulla fluidità di manovra, caratteristiche antitetiche rispetto al palleggio e al possesso palla del Bari. L’uomo chiave di quest’espressione calcistica è Fella, vicecapocannoniere del girone C dopo Antenucci grazie alle sue 17 marcature, a cui si aggiungono anche 3 assist. Insieme a lui, Jefferson completa la coppia d’attacco titolare: per lui 5 gol e 4 assist in stagione.

Uno dei giocatori che ha brillato di più nel corso del campionato è Donnarumma, esterno fluidificante dei gabbiani, i cui numeri non rispecchiano la sua reale importanza: 2 gol e 2 assist. Infine, c’è da stare attenti anche a Piccinni3 gol e 1 assist per il barese ex biancorosso che amministra il centrocampo monopolitano.

In caso di playoff i biancorossi dovranno stare attenti: l’insidia più grande potrebbe trovarsi a pochi chilometri da Bari, e vedere una corregionale in B si rivelerebbe una vera e propria beffa per i biancorossi. 

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 27 maggio 2020 alle 23:00
Autore: Gabriele Ragnini
Vedi letture
Print