Tante indicazioni dalla vittoria contro il Rieti per Vincenzo Vivarini. In conferenza stampa il mister ha così analizzato la prova della squadra: "Avevo preventivato le difficoltà della partita perchè il Rieti è una squadra di giocatori rapidi e veloci. Questo nella prima parte di gara non è successo. L'errore è nel voler gestire la palla e le partite. Siamo diventati blandi e di conseguenza qualsiasi avversario ti può mettere in difficoltà. Non è discorso di reparto. Possesso palla con la linea difensiva piatta, non lo facciamo mai. Dobbiamo cercare di verticalizzare. Bravi a portare a casa il risultato che era la cosa che cercavamo di più. L'importante è una squadra propositiva e viva".

Sulla prolificità della coppia d'attacco e, in particolar modo, l'evoluzione di Simeri: "Ho e hanno lavorato tanto per ottenere questa affinità, sincronia dei movimenti e voglia di arrivare al gol. Questo ci permette di vincere le partite, se non troviamo queste giocate si fa fatica. Simeri è forte fisicamente, ha velocità e buona tecnica. Chiaro che era meno abituato a muoversi in un certo modo, era un solista che si è messo a disposizione. Ora ne capisce l'importanza e arrivano i gol. Sono molto contento".

Sui singoli, Costa Maita: "E' arrivato l'altroieri. E' entrato in un piano ben definito, sia in fase di possesso che non, siamo ripetitivi. Ha avuto dei dettami tattici ed è stato molto condizionato. Non l'ho visto sciolto e tranquillo in campo perchè era molto attento a mantenere la posizione. Deve essere più naturale ma ci vuole tempo per entrare nei meccanismi. Ha dimostrato che le doti le ha, fare un gol così fa ben sperare. Costa? Oggi ha fatto anche sostanza, una cosa a cui tenevo. Chiaro che questo lo frena, anche se poi fa assist al gol di Simeri. Dobbiamo sfruttarlo per questo ma mi interessa che faccia la fase difensiva. Oggi è stato molto attento anche a bilanciare. Lui e Corsinelli si sono alternati bene in fase di spinta".

Chiosa finale sul duello a distanza con la Reggina: "Quando sabato ha perso, sono rimasto indifferente. La mia concetrazione è solo rivolta al Bari. Dobbiamo sistemare delle cose come squadra e pensare a vincerle tutte. E' l'unico obiettivo, le altre le vediamo a fine campionato".

Sezione: In Primo Piano / Data: Dom 19 gennaio 2020 alle 21:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print