Nell'intervista rilasciata a La Gazzetta del Mezzogiorno ha ricordato il periodo del lockdown"Una delle mie risorse è la positività. È vero: ero a casa, senza fidanzata e genitori. Ma in quel momento la pandemia mieteva tante vittime: mi sentivo fortunato pensando a chi soffriva. Mi sono cimentato nei dolci: sono diventato bravino".

Sul matrimonio: "Tutto rinviato al 2021. Ci tenevamo a vivere questo evento con gioia, senza incubi e limiti. Speriamo che tra un anno del coronavirus sia scomparso anche il nome".

Sezione: News / Data: Lun 29 giugno 2020 alle 14:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print