Berardi: "Bari, che chance! Floro impressionante, Kozak..."

 di Gianluca Sasso  articolo letto 9106 volte
Alessandro Berardi
Alessandro Berardi

"Giocare a Bari è una grande opportunità per crescere".  Parola di Alessandro Berardi, presentato in mattinata al San Nicola insieme all'altro nuovo arrivo tra i pali, Victor De Lucia. Il portiere scuola Lazio ha svelato i retroscena sulla trattativa che l'ha portato in Puglia, analizzando inoltre le differenze tra Lega Pro e Serie B: "Ho dovuto aspettare vista la situazione non facile del Messina ma non appena ho avuto la possibilità ho costo l'occasione al volo per venire a Bari. Tra i cadetti c'è molta più velocità e soprattutto calciatori che hanno calcato palcoscenici importanti come la serie A".

E' Floro Flores l'attaccante che l'ha più impressionato in questo perodo di allenamenti: "Ha passo e velocità d'esecuzione impressionanti" afferma, ma la punta che più conosce è Libor Kozak, suo compagno di squadra nelle giovanili biancocelesti: "Si tratta di un attaccante di spessore con determinate caratteristiche  che probabilmente mancavano in rosa. E' importante avere in rosa un giocatore come lui. Oltre che un amico, si tratta di un bravo giocatore. Farà molto bene".

E Fabio Grosso cosa chiede ai suoi estremi difensori? "Il mister vuole che si inizi ad impostare l'azione quando ce n'è la possibilità, senza correre rischi - spiega Berardi - in più, visto il piazzamento alto della difesa, ci vuole sempre pronti ad intervenire in aiuto dei difensori".