Karim Laribi a gennaio ha deciso di sposare il progetto Bari nonostante la differenza di categoria tra i biancorossi e l'Empoli, la sua ex squadra. Ad oggi il suo apporto è stato senza dubbio eccellente, con prestazioni di alta qualità, gol bellissimi e tanto sacrificio per la squadra. Visto l'ottimo rendimento in maglia biancorossa, è strano non vedere l'talo-tunisino con la maglia della nazionale africana.

Laribi agli inizi della sua carriera ha scelto la nazionale italiana. Vanta quattro partite con la Nazionale Under-20, e due con l'Under-21. Con gli azzurrini ha debuttato nell'amichevole del 15 agosto 2012 in Italia-Olanda 4-0 e ha giocato la sua prima gara valevole per la qualificazioni al Campionato europeo di calcio Under-21 in Italia-Irlanda 4-2. Da allora il biancorosso è finito fuori dai radar della nazionale italiana, da cui la scelta di sposare la causa tunisina nel 2017, dove ha debuttato il 24 marzo 2017 in una partita amichevole contro il Camerun persa 1-0. Con i tunisini Laribi ha giocato solo un'altra gara, il 28 marzo 2017 contro il Marocco.

Nonostante è stato inserito nei pre convocati per il mondiale di calcio 2018 in Russia, Laribi è stato poi escluso dal ct Nabil Maâloul nella lista definitiva dei 23 convocati. Il motivo? Lo ha dato direttamente lui nel corso di una diretta Instagram: "Ero sicuro di fare parte della lista definitiva, il presidente della federazione e l'allenatore mi avevano detto che avevo ottime possibilità, ero tra i sicuri. Però nel corso del pre-mondiale non ho giocato mai, rimanevo a bordo campo a guardare gli altri giocare. Alla fine poi non mi hanno inserito nella lista e non ho preso parte al mondiale".

Un comportamento che non è andato giù al trequartista biancorosso, che ha anche ammesso che: "Finché non cambia il presidente della federazione tunisina, io non torno in nazionale. L'allenatore è cambiato, ma non mi interessa. Mi hanno preso in giro".

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 28 marzo 2020 alle 13:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print