Il calciomercato di gennaio è fatto di tanti nomi e tante voci, alcune più veritiere delle altre che si tramutano in acquisti. Un mese di ansia e di curiosità, ma anche di campo e pallone. Vi proponiamo pertanto un simpatico alfabeto che racchiude le emozioni, gli aggettivi, alcune piste di mercato, ma anche la più stretta attualità dei biancorossi. Un insieme di sostantivi tutti legati a questo periodo dell'anno.

A come Attesa: 18 giorni hanno dovuto attendere i tifosi per festeggiare il primo acquisto. Un'attesa spasmodica, ma da non imputare necessariamente a degli errori o delle mancanze. Del resto i nomi che si stanno trattando sono tutti top player di altre categorie.

B come Beretta: l'attaccante dell'Ascoli è stato accostato al Bari per rinforzare la batteria offensiva.

C come Corapi: il centrocampista ex Trapani si è accasato al Catanzaro dopo un accostamento ai biancorossi. Corapi non è mai stato un obiettivo del Bari, che ha virato sul profilo di Maita.

D come D'Ursi: la bellissima sorpresa della gara di Viterbo. Dopo una prima parte di stagione travagliata, sembrano essere finalmente messi alle spalle i problemi fisici e chissà che non possa essere il primo acquisto per questa seconda parte di stagione.

E come Entrate: per il momento solo Maita. In arrivo anche Laribi e da verificare nella prossima settimana gli sviluppi per Ninkovic.

F come Ferrari: l'attaccante argentino è in uscita da Bari. Un solo gol in questo campionato per un investimento di un milione di euro. Nel suo futuro c'è la Serie B.

G come Gasbarro: nome accostato al Bari per rinforzare il pacchetto arretrato. Il difensore del Livorno è un nome che piace, ma al momento il reparto offensivo e il centrocampo sono la priorità. 

H come Hamlili: l'infortunio dell'italo-marocchino è stata una mazzata pesante difficile da digerire. Due mesi i tempi di recupero, nel frattempo i biancorossi dovranno fare a meno di una delle pedine principali dello scacchiere di Vivarini.

I come Intesa: quella che manca tra Laribi e il Bari e tra il Bari e l'Ascoli per Ninkovic. Due nodi da sciogliere al più presto.

L come Laribi: ad inizio mercato il suo nome era letteralmente un sogno. Col tempo però il Bari ha sondato il terreno e sta tramutando il sogno in realtà. Lunedì potrebbe essere il giorno giusto per la fumata bianca.

M come Maita: è il primo acquisto del mercato di riparazione. L'ex Catanzaro sa disimpegnarsi come regista e mezzala, ed andrà ad alzare il tasso tecnico del centrocampo biancorosso.

N come Ninkovic: altro nome equiparabile ad un sogno sia dei tifosi che di mister Vivarini. Una trattativa che sembrava avviata alla chiusura, ma che poi ha subito un rallentamento. In queste ore la pista si sta riaprendo, e l'impressione è che i prossimi giorni saranno decisivi.

O come Opportunità: il mercato di gennaio ne è pieno. Il Bari ha focalizzato i suoi obiettivi e chissà che negli ultimi giorni non possano emergere altre occasioni.

P come Pulcinelli: il patron dell'Ascoli che ha scombinato i piani di mercato del Bari rifiutando l'offerta per Ninkovic e chiedendo 5 milioni per il suo cartellino. 

Q come Qualità: tutti i nomi accostati ne hanno da vendere, Ninkovic e Laribi su tutti.

R come Reggina: la squadra amaranto ha subito una debacle nella prima partita dell'anno che ha di fatto dato un piccolo segnale al campionato. I calabresi non sono invincibili e lo scontro diretto del 26 sarà decisivo.

S come Soldi: quelli che intende spendere la famiglia De Laurentiis anche in questo mercato di riparazione. Un ulteriore sforzo che dimostra la volontà della società di giocarsi tutte le carte possibili per salire immediatamente in Serie B.

T come Trequartista: ruolo fondamentale da coprire vista l'assenza di un giocatore nel ruolo. Ninkovic sarebbe l'ideale, Laribi una valida alternativa.

U come Uscite: Floriano ha già salutato destinazione Palermo; Neglia, Ferrari e Kupisz sono al passo d'addio. Il futuro di Awua è in bilico. Saranno giorni caldi su questo fronte.

V come Viterbese: la squadra laziale ha frenato parzialmente i biancorossi nella rincorsa alla Reggina. Uno stop inatteso alla luce delle tante defezioni dei gialloblu, che ha lasciato in tanti con l'amaro in bocca.

Z come Zanchi: il terzino del Rieti è stato accostato a più riprese al Bari per rinforzarne la retroguardia. Domani sarà in campo con gli amarantocelesti nella sfida del 'San Nicola' e rappresenta il pericolo numero uno dei laziali.

Sezione: Mercato / Data: Sab 18 Gennaio 2020 alle 17:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print