Ex allenatore biancorosso, Gaetano Salvemini è intervistato dal Corriere del Mezzogiorno, all'indomani dei festeggiamenti sui 112 anni biancorossi: "Ricordo l’annata della promozione dalla B, non perdemmo quasi mai. Fu un traguardo stupendo, tagliato grazie a ragazzi straordinari. Io ci misi del mio: autorevolezza, regole e soprattutto il messaggio che quelle regole dovessero essere sempre rispettate. Non esisteva per me l’alibi della prima volta. Ricordo come se fosse ieri la telefonata con cui mi fu annunciato l’interesse del Bari. Mi dissero che la famiglia Matarrese aveva deciso che sarei stato io il nuovo allenatore. Fu un onore, risposi subito di sì. Il Bari di oggi? È deludente ricominciare dalla D. Una piazza come quella barese merita la A. Mi urta vederlo crollare così. Non è possibile".

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 16 Gennaio 2020 alle 07:15
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print