Il Bari sembra essere in leggerissimo ritardo sulla tabella di marcia. Le posizioni di Vivarini e Scala non sono ancora state definite. All’ombra di San Nicola non è ancora dato sapere se si andrà avanti con loro oppure si virerà altrove. Questa scelta che tarda ad arrivare potrebbe - condizionale d’obbligo - penalizzare l’inizio del calciomercato e la scelta di determinate pedine. È naturale che alcuni calciatori che potrebbero andare bene per il gioco di Vivarini mal si adatterebbero a quello di Auteri, Baroni o Tesser

Una questione non spinosa, ma neanche florida e, soprattutto, da risolvere quanto prima. La società non può permettersi di ripercorrere le orme dello scorso anno quando confermò Cornacchini, salvo poi esonerarlo a campionato in corso. Posto che Vivarini meriterebbe la riconferma, qualora la società e il tecnico non fossero del tutto convinti di proseguire insieme, sarebbe bene separarsi da buoni amici. 

Le difficoltà di Vivarini si sono intrecciate con quelle di una squadra non proprio complementare con il suo credo tattico. Il mercato di gennaio non ha affatto migliorato le cose, e i playoff lo hanno evidenziato. La classe di Laribi si è vista a sprazzi - ma il tecnico cercava e cerca ancora Ninkovic - e Costantino - buon calciatore - non ha dimostrato - anche per le poche occasioni avute - tutto il suo potenziale. Qualche calciatore in rosa potrebbe, qualora Vivarini fosse confermato, anche pensare ad una cessione. Danilo Caravello - agente di Berra - interpellato dalla nostra redazione è stato chiaro in tal senso, e chissà che magari qualche altro calciatore non stia pensando la stessa cosa. 

Nel caso di Berra - visto che ha parlato il suo agente - possiamo aggiungere che sarebbe davvero un peccato rinunciare ad un profilo interessante che, con maggiore continuità, potrebbe rendere secondo quello che è il potenziale posseduto. Tutte questioni che la società dovrà valutare con Scala o con chi, eventualmente, prenderà il suo posto. 

I rumors dovranno quanto prima materializzarsi e tramutarsi in quella concretezza che storicamente appartiene alla famiglia De Laurentiis.

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 06 agosto 2020 alle 19:00
Autore: Raffaele Garinella
Vedi letture
Print