La settimana è iniziata con due buone notizie per il Bari, il rientro in gruppo di Mirco Antenucci e Gabriele Rolando, giocatori fondamentali per l'economia della squadra. Mister Carrera ha avuto così la possibilità di valutarli nel corso delle sedute di allenamento, provando così ad immaginare il loro inserimento nel nuovo scacchiere tattico. La curiosità maggiore è rivolta verso l'attaccante, che appare destinato a far compagnia a Pietro Cianci, subito inamovibile, nell'undici titolare. Una coppia da amalgamare per il 4-2-3-1 ma con delle potenzialità elevatissime per qualità e caratteristiche, magari già a partire dal derby di sabato contro il Foggia. 

In passato la formazione biancorossa ha spesso potuto contare su due centravanti di primissimo rilievo. Basti pensare allo scorso anno e all'intesa dell'ex Spal con Simone Simeri, capaci di segnare 34 reti nonostante l'interruzione della stagione causa Covid-19. Altri ricordi dolcissimi risalgono all'ultima conquista della Serie A con Antonio Conte in panchina, trascinata dalla partnership tra Vitor Barreto e Francesco Caputo.

Diverse sono invece racchiuse negli anni '90, il periodo d'oro della storia calcistica biancorossa. Le più esotiche videro protagonista Yksel Osmanovski, tra il 1998 e il 2000, coadiuvato da Phil Masinga e Gionatha Spinesi nelle due salvezze in massima serie dell'era Fascetti. La migliore dal punto di vista realizzativo con 36 centri, risale al 95/96: Igor Protti, vincitore del titolo di caponnoniere in A, e Kenneth Andersson. Tuttavia lo zar nei 3 anni precedenti era stato il fulcro della coppa-gol per eccellenza con Sandro Tovalieri, ancora oggi la più amata dai supporter baresi, non solo per i risultati sportivi. Per trovare un altro grande duo, dobbiamo tornare al 1984/85 con Edi Bivi ed Alberto Bergossi, trascinatori della promozione in massima serie A dopo 15 anni di attesa. 

Un appunto, infine, relativo al periodo di Massimo Carrera da calciatore del Bari tra il 1986 e il 1991, dove si alternarono diversi bomber di livello come Paolo Monelli e Paul Rideout. Tuttavia il momento più prolifico arrivò nella sua ultima stagione con Florin Raducioiu e l'indimenticabile brasiliano Joao Paulo

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 25 febbraio 2021 alle 12:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print