Ag. Mattera: "Non rimane al Bari. La società punta a ringiovanire"

07.07.2019 18:30 di Gianmaria De Candia   Vedi letture
Ag. Mattera: "Non rimane al Bari. La società punta a ringiovanire"

L'avventura di Giuseppe Mattera con la maglia del Bari non proseguirà in Serie C, parola di Antimo Di Lorenzo ai microfoni di tuttocalciopuglia. L'agente ha confermato il retrofront del club di De Laurentiis in merito alla permanenza in biancorosso del suo assistito: "Circa un mese fa, era nella lista dei possibili riconfermati insieme a Di Cesare, anche in relazione al fatto che Cacioli appenderà gli scarpini al chiodo, facendo parte dello staff di Cornacchini. Ma il Bari è una società importante, che in Serie C punta anche a ringiovanire la rosa: Mattera è un classe ’83, perciò le possibilità di rivederlo in biancorosso sono pressoché nulle Tra due giorni sarò lì per discutere con il club sulla buonuscita".

Il procuratore ha poi rivelato un retroscena relativo alla scorsa estate: "E’ stato il primo acquisto della gestione-De Laurentiis. Ma vi svelo che il Bari lo avrebbe voluto in ogni caso, anche qualora il sindaco Decaro avesse optato per una cordata pugliese capeggiata dall’ex DS del Carpi Matteo Lauriola”. 

Infine Di Lorenzo ha spiegato i motivi del mancato approdo del ragazzo tra le file del Taranto, tra le voci di mercato più insistenti: “Già ad aprile, a campionato in corso, ci fu un contatto con il club ionico tramite il loro consulente di mercato. Noi, però, per rispetto del Bari, declinammo l’offerta, rimandando ogni discorso a stagione conclusa. Dopo il 15 giugno, ci sono stati dei contatti intensi con il Taranto: il DS Sgrona ci ha chiesto disponibilità, noi ci siamo mostrati entusiasti della proposta, ma l’approdo del Bari in un torneo professionistico prevede delle situazioni burocratiche risolvibili entro il 10 luglio. La tempistica non sarebbe stata un problema, almeno secondo quello riferito dallo stesso Sgrona al calciatore. Ora, tramite fonti indirette, abbiamo scoperto che il Taranto fosse in procinto di acquistare Manzo e Allegrini i quali, con la riconferma di Lanzolla, avrebbero virtualmente chiuso ogni possibilità di approdo di Mattera: ci siamo rimasti male, perché avrebbe voluto misurarsi in una piazza calorosa ed importante".