Dopo aver raccolto quattro punti contro Monopoli e Catania, il Bari di mister Carrera è ora chiamato ad affrontare una gara più che sentita da entrambe le piazze: il derby d’Apulia. Al San Nicola è atteso il Foggia, che nel girone d’andata sorprese tutti con una vittoria di misura, in cui mise a nudo ogni possibile difetto della squadra allora allenata da Gaetano Auteri. Una brutta prestazione che ancora brucia in casa biancorossa: sabato prossimo, dunque, servirà una vera rivincita.

Ma su chi potrà affidarsi il tecnico lombardo per far male ai rossoneri? Certamente su Pietro Cianci, che sta letteralmente vivendo il suo magic moment. A segno da due gare consecutive, la punta barivecchiana ha conquistato la vetta della classifica marcatori nella scorsa giornata, seppur in coabitazione con Partipilo ed Antenucci. Se ciò non bastasse, c’è anche una curiosità che nemmeno il bomber molisano ha saputo finora porre rimedio. Cianci, infatti, è l’unico galletto insieme a Maita ad aver già fatto gol ai satanelli.

“So quanto i tifosi tengono al derby col Foggia. E' per me una bella possibilità, col Foggia ho fatto già gol ai tempi di Andria, spero di ripetermi”. Con queste parole, nella conferenza stampa di ieri il classe ’96 ha lanciato il guanto di sfida. Quel giorno era il 5 marzo 2016, quando al Degli Ulivi la Fidelis Andria si impose con un pesante 3-0 sul Foggia di De Zerbi. Ad aprire le marcature fu l’ex Bollino, mentre Bisoli firmò il raddoppio. Ma a chiudere la partita fu proprio Cianci, subentrato nel secondo tempo, a cui bastarono poco più di dieci minuti per inferire il colpo del ko. L’esultanza, a tratti provocatoria, fece poi il resto, con lo storico trenino fatto partire in compagnia di Strambelli, altro barese trapiantato in quella rosa. Dopo appena ventidue giri di lancette, l’attuale numero 8 biancorosso dovette lasciare il campo per infortunio, ma la grande soddisfazione si legge tuttora nei suoi occhi.

Sezione: News / Data: Gio 25 febbraio 2021 alle 00:00
Autore: Gabriele Bisceglie
Vedi letture
Print