Il 30 maggio è un giorno particolare per i tifosi biancorossi, perché in ben due occasioni, 6 e 11 anni fa, in questo giorno il San Nicola fu teatro di due eventi iconici della storia biancorossa, culminati in festeggiamenti con lo stadio gremito.

I soli 14000 spettatori presenti nel 2009 non danno giustizia al traguardo raggiunto quel giorno: il Bari, con la vittoria per 4-1 sul Treviso, blindò il primo posto della Serie B, conteso anche dal Parma. I 3 punti erano nell’aria, e la festa promozione fu resa ancora più emozionante dagli stessi galletti, che si presentarono in campo con i capelli tinti di bianco e rosso.

Le marcature furono aperte al terzo minuto da Guberti, e il pareggio del Treviso, arrivato 11 minuti più tardi, non influì molto. Al 26’ Guberti realizzò un altro gol, congedandosi dal Bari con una doppietta. Anche Caputo partecipò alla festa, realizzando la terza segnatura, ma Barreto, nonostante il rigore trasformato dopo una respinta del portiere, non ebbe la possibilità di laurearsi capocannoniere di Serie B: i suoi 23 gol stagionali vennero superati di una lunghezza da Tavano del Livorno, autore di una doppietta contro l’Ascoli.

Il tripudio del San Nicola dopo il 4-1 sul Novara del 2014 è ricordato dai tifosi in maniera ancora più viscerale della promozione in A. Il Bari della meravigliosa stagione fallimentare, dopo la sconfitta a La Spezia, si giocava le possibilità di andare ai playoff in quell’ultima partita stagionale, e i quasi 49.000 spettatori furono il simbolo di una città che era tornata a sognare in grande dopo le vicende degli anni precedenti.

Il gol del vantaggio del Novara, segnato da Gonzalez all’inizio del secondo tempo, non suscitò grandi preoccupazioni nei tifosi e nei giocatori, che, spinti dalle motivazioni, ribaltarono il risultato. La doppietta del subentrato Cani, con il primo gol segnato con un imponente stacco di testa, rimarrà memorabile nella storia biancorossa. I sigilli di Polenta prima, su rigore, e Beltrame poi, contribuirono a rendere la festa ancora più intensa: il Bari, dopo una stagione in cui aveva rischiato il fallimento, finì ai playoff.

Sezione: Amarcord / Data: Sab 30 maggio 2020 alle 22:00
Autore: Gabriele Ragnini
Vedi letture
Print