Domenica l'ingresso in campo di Giovanni Terrani è stato decisivo ai fini del risultato. Il classe '94 ha dato la svolta ad un centrocampo in difficoltà ed a una squadra sotto shock dopo la rimonta della Vibonese. Per parlare della prestazione del ragazzo, abbiamo sentito in esclusiva Marco Antonio De Marchi. Questo il parere dell'agente ai nostri microfoni: "Ha fatto un gol che ha delineato le sue qualità fisiche e tecniche. Sono contento per lui, quando si entra in un ambito nuovo ci si deve far conoscere. Con questo episodio, tutti quanti si sono accorti delle sue doti. Ha giocato diverse partite con Cornacchini, ora Vivarini sta notando le sue qualità. Deve lavorare tanto e forte per farsi trovare pronto. Si è messo a disposizione, ha sempre l'atteggiamento giusto, è un professionista esemplare". 

Sulle parole di Vivarini nel dopo partita: "Per me è un giocatore di categoria superiore. Se lo dice il mister, la personalità è un discorso su cui lavorare. Sicuramente si sono parlati e Giovanni lo ascolterà. Ha 25 anni, è nel pieno della maturità. Siamo orgogliosi di essere a Bari, piazza straordinaria che riteniamo in C per caso. E' arrivato per dare un contributo importante sia alla squadra che alla propria carriera".

Nessuna limitazione dal punto di vista tattico. La nuova posizione di mezzala potrebbe rivelarsi congeniale per il futuro: "E' una scelta dell'allenatore. In tanti casi le intuizioni possono funzionare. Ha le caratteristiche per poterlo fare ma in precedenza non lo ha mai fatto con continuità. Può rappresentare un'evoluzione. Lo considero un giocatore moderno che può cambiare la partita in ogni momento. Fondamentale però è la testa del giocatore perchè deve crederci. Bisogna superare i propri limiti con convinzione ed abnegazione. Giovanni è molto intelligente, apprende subito le indicatizioni del mister". 

Chiosa finale sul distacco dalla vetta della classifica: "La Reggina ha allestito una squadra molto valida e competitiva. Ha sfruttato le mancanze delle altre, che magari hanno avuto bisogno di più tempo. Otto punti non sono pochi ma il tempo necessario c'è. Bisogna essere convinti e non sbagliare più. Il Bari è forte ma giocare con quella maglia non è semplice. Pressione, critiche e aspettative sono completamente diverse. Non si possono regalare punti in casa e devi andare in trasferta a prenderne altri. Al di là del pari con la Vibonese, credo che comunque l'equilibrio si sta ritrovando, c'è maggiore consapevolezza. La Reggina è avanti ma non bisogna farla scappare troppo".

Sezione: Esclusive / Data: Mer 6 Novembre 2019 alle 17:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print