In un contesto già complicato, data la fuga della capolista Ternana, che non accenna a frenare la sua marcia, il Bari ha dovuto fare i conti prima con qualche fastidioso infortunio, come quello capitato in sorte ad Andreoni, poi con i casi di Covid in rosa, allenatore incluso, ed adesso ha scoperto i guai cardiaci di Minelli, fermato per un mese a scopo precauzionale. Proprio l’assenza forzata del difensore, appena guarito dal Coronavirus, si prolungherà almeno fino al gennaio 2021.

Il ventunenne non disputa una partita dal 26 ottobre scorso, in casa contro il Catania. Il club, spiazzato da questa notizia, valuta ogni opzione. La testa del gruppo è alla prossima gara, sabato in trasferta con la Paganese. Se in quell’occasione dovessero arrivare altri intoppi nel medesimo ruolo, la società potrebbe valutare di ricorrere al mercato degli svincolati.

Questa possibilità, tuttavia, sembrerebbe remota, stando a quanto appreso dalla nostra redazione. La rosa dei galletti, infatti, è perfettamente in grado, numericamente, di sopperire a questa mancanza nelle 4 partite in 18 giorni che attendono il team di mister Auteri.

Poi ci sarà la sosta, e si potrà valutare con calma come intervenire sul mercato, avendo anche notizie fresche sullo stato fisico del centrale brianzolo. Tra l’altro, in organico, c’è uno come Ciofani, all’occorrenza adattabile al centro della retroguardia. Senza contare Esposito, attualmente fuori lista. Proprio lui, e con ogni probabilità Hamlili, utilizzato con il contagocce, potrebbero essere i primi due partenti delle contrattazioni invernali. Prima di allora, però, ci sono da vincere quattro battaglie, sperando in qualche passo falso della prima della classe.

Sezione: Esclusive / Data: Gio 03 dicembre 2020 alle 19:45
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print