44 presenze in Serie A in tre stagioni tra il 1998 e il 2001 con la maglia biancorossa. Lui, nordico, che si è trovato improvvisamente nella calda Bari, ma ha onorato la maglia e si è fatto apprezzare dal pubblico barese. Stiamo parlando del danese Michael Madsen, ex galletto, che si è raccontato in esclusiva ai nostri microfoni.

Buongiorno Madsen. Cosa sta facendo attualmente?

"Sto lavorando come allenatore in Danimarca da diversi anni. Al momento sono da una stagione al Brønshøj, club di seconda divisione (la nostra Serie C, ndr). Il campionato sta andato molto bene e siamo al momento terzi in classifica. Ora non ci sono partite per la pausa invernale. In primavera ci saranno i play-off, e ci alleneremo per farli al meglio".

Quali sono i suoi ricordi dell'esperienza in biancorosso?

"Ho avuto tre anni straordinari a Bari giocando in Serie A, dove ho disputato alcune belle partite in grandi stadi. E' stato un periodo della mia vita bellissimo e ho conosciuto molte persone splendide in questa esperienza".

E' mai tornato a Bari da turista? Cosa pensa di Bari come città?

"Bari è una città magnifica, bellissima. Ci sono stato altre due volte dopo il mio ritiro e ho notato che è cambiata molto. Ho tanti ricordi belli della città".

Quali invece i ricordi dei tifosi baresi?

"In tutti i miei anni a Bari i tifosi sono stati straordinari. I baresi penso che siano dediti ed appassionati alla squadra. Era sempre un piacere giocare davanti a loro al 'San Nicola'".

Che differenze ci sono tra i tifosi italiani e i tifosi danesi?

"Io penso che in Italia i tifosi sono più appassionati alla propria squadra. In Danimarca i tifosi sono pochi, mentre in Italia c'è tanta gente a seguirti".

Veniamo all'attualità. Ha seguito le sorti del Bari negli ultimi anni?

"Certo. Ho sempre seguito il Bari quando potevo. Ho visto che saliva e scendeva dalla Serie A alla Serie B fino al fallimento. Adesso so che c'è la famiglia De Laurentiis proprietaria del Napoli al comando del club, e che la squadra è in Serie C dopo essere ripartita dalla Serie D".

Quale il suo ricordo più bello dell'esperienza in biancorosso?

"Una delle cose più belle che mi è successa è quando vincemmo a 'San Siro' 3-2 contro l'Inter e io ho fatto l'assist dell' 1-0. Un'emozione incredibile. Lo stadio era pieno ed è stato fantastico".

Chiudiamo con un saluto ai tanti tifosi che la ricordano con piacere.

"Grazie per esserci sempre stati e aver supportato la squadra durante i miei tre anni a Bari. E' stato un piacere aver giocato al 'San Nicola' davanti a voi. Dovete continuare ad avere questa passione per il Bari. E' importante. Soprattutto adesso che la squadra è in Serie C".

Sezione: Esclusive / Data: Mer 4 Dicembre 2019 alle 13:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print