Intervenuto in conferenza stampa al termine della partita con la Sicula Leonzio, il tecnico biancorosso Vincenzo Vivarini ha detto la sua sull'incontro: "In fase di costruzione abbiamo fatto un buon lavoro nel primo tempo e troppo lento nella ripresa. Questo è un campionato in cui ci vuole anche molta sostanza, loro giocavano sporco ed erano aggressivi sulle seconde palle, abbiamo messo sia qualità che la quantità. A centrocampo noi abbiamo soprattutto la prima".

Sul distacco dalla Reggina: "Io mi ripeto sempre, l'obiettivo è migliorare questa squadra. Ora comincia un altro campionato ed il nostro obiettivo è quello di crescere ancora, bisogna essere più bravi a chiudere le partite e ad avere il pallino del gioco. Ho scelto di risparmiare Bianco perché era diffidato, non volevo rischiarlo per domenica".

Sulla difficoltà nel chiudere le partite: "Oggi è subentrata la fatica, domenica scorsa invece oggi c'eravamo un po' distratti. Diversi non giocavano novanta minuti da tanto, nella ripresa abbiamo sofferto queste situazioni, ma abbiamo fatto tesoro della partita contro il Rieti e non abbiamo concesso occasioni altrui".

Vivarini continua: "Chiaramente da domani la testa è sulla partita, dobbiamo restare concentrati sulle cose da fare in campo. Non serve caricare la mente, sono gare che si preparano da sole. Bisogna studiare bene la Reggina e capire dove possiamo attaccarli, in questi tre giorni proveremo a fare questo".

Su Simeri: "Un attaccante deve far questo, a me fa piacere il fatto che lui riesca a muoversi in maniera coordinata con gli altri attaccanti. Probabilmente ha trovato maggiore fiducia nell'ultima settimana".

Vivarini chiude: "Possiamo migliorare sotto l'aspetto della convinzione e della determinazione, dal punto di vista mentale può diventare più forte. Poi i nuovi devono entrare a pieno regime e tatticamente possiamo fare molto molto meglio".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 22 Gennaio 2020 alle 23:40
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print