Intervistato da Radio Punto Nuovo, Diego Foresti, direttore sportivo del Catanzaro, si è soffermato sulla lotta promozione nel Girone C: "La classifica si inizia a delineare intorno alla decima giornata. Quest'anno è un pò diverso. La Ternana - riporta tuttoavellino.it - si merita di stare lì perchè i risultati parlano chiaro, quando vai a Bari e dai 3 gol ai padroni di casa, quando dai 5 gol ad una squadra come la nostra, vuol dire che sei forte. Il Teramo non è una sorpresa e nel gruppone delle prime 5-6 sta tornando il Palermo e ci siamo noi, Avellino e Juve Stabia". 

Sulle difficoltà del campionato a causa del Covid e una possibile soluzione per il calendario: "Il virus è tornato in autunno e stiamo ora pagando le conseguenze. Il grido del mio presidente non è quello di sospendere ora il campionato ma pensarci prima. Per chi giochiamo? Tifosi non ce ne sono, sponsor pochi, biglietti, introiti pubblicitari. Questo lo paghiamo come piazza importante come può essere Avellino, Palermo, Bari. I mancati incassi delle biglietterie sono pesanti. Pausa? Per me sarebbe inutile fermarsi un mese e recuperare a dicembre. Proporrei un'altra cosa invece. Al posto di una pausa lunga dal 23 dicembre al 10 gennaio, io farei giocare anche il 26 dicembre e il 30 dicembre. Questo perchè finiremmo il girone di andata tutti e soprattutto, non lasceremmo liberi i calciatori, ma anche tutti noi dirigenti, per tanto tempo". 

Sezione: News / Data: Ven 20 novembre 2020 alle 23:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print