Un’avventura breve, senza le soddisfazioni che ci si attendeva. Si può riassumere così il percorso biancorosso di Tommaso D’Orazio. Il trentenne abruzzese, giunto in riva all’Adriatico nel corso della scorsa estate, ha racimolato agli ordini di mister Auteri 16 presenze, delle quali una in Coppa Italia, mettendo insieme un gol e 5 assist. Un rendimento discreto, per un calciatore impiegato, nel 3-4-3 del tecnico, come esterno di centrocampo, a sinistra.

Proprio un girone fa, nella trasferta di Francavilla Fontana, la miglior prestazione del ragazzo, condita dal suo unico centro con i galletti. Un’annata iniziata con queste premesse, per un calciatore reduce da un paio di buone stagioni in cadetteria con la maglia del Cosenza. Le scelte di mercato della società han fatto terminare, per ora, la sua esperienza barese, con il prestito secco all’Ascoli, consequenziale all’approdo in Puglia di Sarzi Puttini, preso dai marchigiani con la stessa formula, e dell’ex reggino Rolando.

Per alcuni, queste operazioni rappresentano un azzardo, da parte del club dei De Laurentiis. Ma le valutazioni finali sull’operato di Romairone in sede di contrattazioni saranno indissolubilmente legate ai risultati che offrirà il campo. L’obiettivo promozione, fallito ai playoff solo qualche mese fa, va raggiunto in ogni modo, attraverso gli spareggi o con un recupero in classifica sulla prima della classe, attualmente distante otto punti. Con D’Orazio, in ogni caso, ci si confronterà a giugno prossimo, quando dovrebbe tornare nelle file biancorosse, in forza di un contratto in scadenza nel 2022.

Sezione: News / Data: Ven 22 gennaio 2021 alle 19:00
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print