L'operato di Ghirelli in questi mesi di pandemia non è piaciuto a molti addetti ai lavori. Tra questi vi è il giornalista Alfredo Pedullà, che dal suo sito scrive un editoriale dai toni duri contro il comportamento, a suo dire contraddittorio, del numero uno della Lega Pro: "Quando i bollettini erano disastrosi e di tutto si sarebbe dovuto parlare fuorché di calcio, avrebbe voluto giocare. Quando la situazione è leggermente migliorata, ha mollato e ha detto che sarebbe stato opportuno pensare alla salute. Ghirelli ha fatto girare un documento con il sorteggio come opzione per stabilire la quarta promossa, per fortuna era uno scherzo. Poi avrebbe voluto far passare la promozione grazie alla media punti, non considerando che il Carpi (prescelto) aveva giocato diverse partite in meno. Aveva bloccato le retrocessioni, come se dipendesse da lui e non dal Consiglio federale. Una contraddizione dietro l’altra, l’ultimo Consiglio Federale ha sentenziato “si gioca” e anche Ghirelli si è adeguato dopo essere stato respinto con gravi perdite. Il prossimo CF emetterà il verdetto, probabilmente quello di promuovere le prime tre di ogni girone (Monza, Vicenza e Reggina) dando il via libera ai playoff e ai playout. Se saranno playoff normali, nel rispetto del format, o accorciati lo capiremo presto. Di sicuro anche Ghirelli il potenziale “trasformista” è stato costretto a piegarsi, qualsiasi sua decisione – appena abbozzata oppure no – non è andata a dama. Anzi, peggio: è andata in frantumi".

Sezione: News / Data: Sab 30 maggio 2020 alle 16:30
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print