Ex centrocampista del Bari rimasto legato alla piazza, Gaetano D’Agostino è intervenuto ai nostri microfoni per parlare del nuovo corso biancorosso e del nuovo ruolo di Brienza: “Quando un calciatore lascia il segno in una piazza come Ciccio il ruolo di uomo immagine può portare giovamento a tutte le componenti della società. Brienza, come lo son stati De Rossi, Del Piero o Nedved, è stato un calciatore che in tutta la carriera non ha mai fatto parlare di sé fuori dal campo ed è stato sempre un professionista. Ovviamente non bisogna soffermarsi solo sul ruolo iniziale assegnato all’uomo simbolo: penso al caso Totti; credo che una determinata scelta debba essere fatta con la prospettiva di poter avere un’incidenza su molti aspetti sia in dirigenza che con lo staff tecnico. Ciccio merita questo ruolo e gli auguro che possa avere un ruolo ‘alla Nedved’ nella Juventus che ora ha molta voce in capitolo perché il richiamo del campo e della passione ritorna sempre”

Sul girone C di Serie C, l’ex tecnico della Virtus Francavilla si è così espresso: “Un girone del genere non lo si vedeva da anni: credo che per qualità e storia il primo posto verrà conteso da Bari e Catania. Il girone C non ha una logica che si ripete e per questo solo attraverso la costanza è possibile vincere il campionato. Inoltre in piazze come Bari, ma anche Catania, servono calciatori con personalità che non subiscono lo stress nei momenti più difficili e che possano tenere con la giusta mentalità i più giovani”.

Sezione: Esclusive / Data: Ven 30 Agosto 2019 alle 20:00
Autore: Alessio D'Errico
Vedi letture
Print