Musi lunghi, in casa Bari, dopo la sconfitta con il Teramo che ha aumentato il divario dalla capolista Ternana, ora distante 11 lunghezze. Le residue speranze di lottare per la promozione diretta, ormai ridotte al lumicino, passano obbligatoriamente dalle prossime due gare casalinghe. Al S. Nicola arriveranno, tra mercoledì e domenica, Cavese e Viterbese, in rapida successione. Poi, i galletti saranno costretti ad un turno di sosta, causato dal fallimento del Trapani, circostanza che ha condizionato indiscutibilmente lo svolgimento di questo campionato.

Al netto delle prossime tappe del cammino biancorosso, le attenzioni dei tifosi, dopo la cocente delusione patita in Abruzzo, sono rivolte alle operazioni di mercato che la società intenderà porre in essere nelle prossime ore, con la finestra di contrattazioni invernale in chiusura domani, alle 20. Qualche puntello, arriverà, senza dubbio.

Al momento, il club dei De Laurentiis ha 22 calciatori in lista, escludendo dal computo il terzo portiere Fiory. I posti disponibili, in assenza di partenze in extremis, quindi, sono un paio. Ed a questi va aggiunto un eventuale slot da coprire con un ragazzo classe 2001. A questo proposito, l’interesse per il diciannovenne Romeo Giovannini, punta del Carpi, c’è. Ma, tra il Napoli, che poi girerebbe il calciatore in Puglia, e gli emiliani non si trova l’accordo sul prezzo. Più facile arrivare, come alternativa nel ruolo, al romanista Mirko Antonucci, che però di anni ne ha 21 ed è attualmente in prestito alla Salernitana.

Si cercherà di trovare la quadra anche per il teramano Diakite, ma il discorso, intavolato sempre dai partenopei, non è dissimile dal precedente. Per quanto riguarda l’esperto terzino Christian Maggio, appena svincolatasi dal Benevento, la concorrenza è molto alta, con offerte provenienti da categorie superiori. Quel che è certo, è che non si muoverà dal capoluogo pugliese il capocannoniere del campionato Mirco Antenucci

Sezione: Esclusive / Data: Dom 31 gennaio 2021 alle 13:15
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print