Dopo la Serie A, anche la Lega Pro è sempre più vicina al ritorno in campo. In attesa delle decisioni del prossimo Consiglio Federale, abbiamo sentito in Sergio Volpi. L'ex centrocampista dei galletti dal 1996 al 1998, intercettato in esclusiva dai nostri microfoni, si è così soffermato sul momento della categoria: "Qualsiasi scelta si farà non sarà mai quella giusta, soprattutto in questo momento, perchè a qualcuno non andrà bene. Bisogna stare alle direttive delle Federazioni e credo sia corretto promuovere le prime e far disputare i playoff a chi ha la possibilitàMerito sportivo? Sempre meglio giocarsela sul campo. Ora bisogna riattaccare la spina velocemente, compattare il gruppo e partire con il piede e il giusto entusiasmo. L'assenza di pubblico potrebbe essere un problema per determinate squadre".

Fiducia sulla posizione dei galletti in ottica playoff: "Il Bari potrebbe essere la favorita, ha una squadra di categoria superiore. Ma tutte le partite che si giocheranno saranno particolari. Chiunque affronterà i biancorossi, proverà a fare lo sgambetto alla super-favorita e si darà sempre quel qualcosa in più per fare bella figura. Il calcio è anche questo, è già successo altre volte in passato. Campionato? Difficile dire cosa non ha funzionato. Sicuramente la Reggina ha fatto una stagione stratosferica e il Bari non ha avuto lo stesso ritmo. Quando trovi una squadra con 5-10 punti di vantaggio vuol dire che ha avuto più continuità e voglia di arrivare primo, meritando così la promozione".

Pochi dubbi sul futuro e sulle ambizioni della proprietà: "Penso sia una garanzia. Qualora non riuscisse ad andare in Serie B quest'anno, non credo che i De Laurentiis si accontentino. Nella prossima annata vedremo una squadra ancora più forte e per poter tornare in cadetteria, dove per una piazza come Bari è il minimo".

Sezione: Esclusive / Data: Ven 29 maggio 2020 alle 18:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print