Nel recente passato biancorosso, nello specifico dopo il fallimento della stagione 2013/14, ci sono stati numerosi giocatori che, durante la propria carriera in altre squadre europee, hanno avuto la possibilità di giocare partite in Champions League.

Tra i giocatori che hanno potuto godere di un palcoscenico europeo per più tempo ci sono sicuramente Rada e Donati. Il primo arrivò in terra pugliese vantando già una pluriennale esperienza con i club rumeni della Steaua Bucarest e del Cluj, grazie ai quali collezionò 25 presenze in totale in Champions. Anche il secondo, già prima di approdare al Bari, aveva ottenuto 15 presenze nella massima competizione europea col Celtic.

Sempre col Celtic, Liam Henderson ebbe modo di conseguire 4 presenze in Europa. Due anni prima di lui in biancorosso c’era Rosina, che nella sua unica esperienza all’estero, con lo Zenit, giocò in Champions League 3 volte.

Diversi calciatori che hanno vestito la casacca biancorossa hanno avuto modo di ottenere presenze in Champions League con squadre greche. Vangelis Moras è uno di questi, arrivato a Bari con 9 apparizioni all’attivo con l’AEK Atene. Nella stessa squadra, ma dopo aver terminato l’esperienza in Puglia, Oikonomou ebbe modo di giocare 8 partite in campo europeo. Anche il centrocampista Leandro Greco, dopo aver ottenuto 3 presenze in Champions con la Roma, si trasferì all’Olympiakos, dove ne collezionò altre 6; qualche anno più tardi passò al Bari. Infine Petropoulos, oggetto misterioso in Puglia ma 3 partite tra gli alti ranghi d’Europa con il Panathinaikos.

Ci sono alcuni giocatori arrivati a Bari dopo il 2014 che hanno ottenuto un ristretto minutaggio in Champions League. E’ il caso di Kingsley Boateng, che nell’Olimpija Lubiana, dopo l’esperienza coi galletti, ottenne due presenze nelle fasi preliminari della competizione europea. Anche De Luca, nella stessa fase, giocò solo una partita col Cluj. Francesco Bolzoni, nella sua seconda stagione da professionista con l’Inter, ottenne meno di 180' in Champions League nelle due partite di andata e ritorno contro il PSV. Marrone, invece, giocò da titolare con la Juventus l’unica sua partita in Champions. Come lui, anche Cassani ha ottenuto il suo scarno minutaggio in Europa coi bianconeri, entrando al 93’ in una partita di Champions che gli valse come esordio tra i professionisti.

Sezione: Gli ex / Data: Mar 24 marzo 2020 alle 14:00
Autore: Gabriele Ragnini
Vedi letture
Print