Francesco Palmieri è stato, sul finire degli anni novanta, un attaccante completo e poliedrico, in grado di totalizzare più di 200 presenze tra i professionisti. In esclusiva ai nostri microfoni, l’ex giocatore di Bari e Lecce ha svelato alcuni retroscena sulla sua carriera da calciatore, non nascondendo il suo amore viscerale per la squadra biancorossa. Questo il suo racconto: “Ho iniziato a calciare il pallone nelle giovanili del Bari, per fare il calciatore sono andato a giocare nei dilettanti, lontano dalla mia città. L’anno dopo mi sono ritrovato in promozione e poi, come succede nelle favole, sono passato al Bologna e a 18 anni sono stato aggregato anche alla prima squadra. Mi è sempre rimasta però la voglia di giocare nella squadra della mia città”. 

“Se non fossi andato a Lecce mi avrebbero conosciuto meno. In Salento ho avuto la possibilità di emergere, è stato il mio trampolino di lancio. In maglia giallorossa sono stati tre anni meravigliosi, mi hanno trattato benissimo e ho fatto delle buonissime cose, le quali mi hanno permesso di farmi conoscere al grande calcio. Dopo Lecce infatti ho giocatore nella Sampdoria e nel Pescara”. 

“Avevo il sogno di fare almeno una presenza con la maglia del Bari e ci sono riuscito. Ho fatto goal e ne ho fatti fare tanti agli altri. Anche quando giocavo mi piaceva far fare goal a tutti quanti. Ho voluto con tutte le mie forze concludere la carriera a Bari e devo ringraziare Matarrese per essere riuscito a coronare questo sogno che cullavo fin da bambino”. 

“A Bari sono stato accolto con grandissimo affetto, e anche a Lecce ho lasciato un bel ricordo, ero uno dei calciatori prediletti a quel tempo. Con i galletti ho concluso la carriera da calciatore e ho poi intrapreso quella da dirigente. Col passare degli anni ho maturato un'esperienza formativa che mi ha portato a diventare responsabile del settore giovanile del Sassuolo, incarico che ricopro tuttora. Se ci sarà in futuro la possibilità di tornare al Bari mi farebbe enormemente piacere, sarei un bugiardo a dire il contrario”. 

Sezione: Esclusive / Data: Mer 28 ottobre 2020 alle 23:00
Autore: Andrea Papaccio
Vedi letture
Print