Intervenuto ai canali ufficiali del club biancorosso, Simone Simeri si è così soffermato sul forte legame con la piazza: "Bari per me è tutto. Amo città e tifosi, so che mi vogliono bene e devo per forza contraccambiare con la vittoria. Per venire qui ho lasciato quel piccolo sogno di andare in Serie B. Ma spero che questo possa concretizzarsi tra 15 giorni, è il mio obiettivo fin dal mio arrivo. Fare due promozioni di fila sarebbe un motivo di orgoglio per me e per la città che merita palcoscenici importanti, anche più della cadetteria".

Sui playoff: "Lunedì non si può sbagliare perchè è una partita importante e che aspettavamo da tantissimo tempo. In queste tre gare ci giochiamo tutto, saranno fondamentali. La condizione mentale farà la differenza, ci stiamo preparando nel miglior modo possibile. La preoccupazione per fare bene ci sta ma siamo una grande squadra, abbiamo la giusta ansia. Daremo tutto per portare la squadra in B".

Sul periodo appena trascorso: "Il lockdown è stato molto particolare. Sono stato due mesi e mezzo da solo, lontano da tutto e tutti. Tornare alla vita normale è qualcosa di bello ma la gioia di ritornare su un campo da calcio è immensa". 

Chiosa finale sugli stadi chiusi: "I tifosi non ci saranno e questa assenza ci penalizzà emotivamente. L'approccio dei tifosi è stato importante tutto l'anno. So quanto vale il tifoso barese allo stadio ma siamo consapevoli che al di fuori del San Nicola ci sarà una intera città a tifare per noi".

Sezione: In Primo Piano / Data: Dom 12 luglio 2020 alle 06:50
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print