TuttoBari - Volpi ricorda Masinga: "Lui, Mancini e Ingesson le colonne"

14.01.2019 17:00 di Redazione TuttoBari   Vedi letture
Sergio Volpi
Sergio Volpi

“È difficile trovare parole, ti domandi solo: perché?”. La voce di Sergio Volpi è triste, a tratti rotta dall’emozione nel ricordare chi ha condiviso una stagione come Phil Masinga. In quell’annata 1997/98, il Bari raggiunse la salvezza in serie A grazie anche alle reti del sudafricano arrivato dalla Salernitana. "Fai fatica a digerire certe notizie - commenta amaramente Volpi -. Phil era un ragazzo simpatico, con il sorriso stampato sulle labbra. Si integrò bene nello spogliatoio e subito si mise a disposizione della causa. Si impegnava sempre, in campo non si fermava mai ed era sempre pronto a lottare su ogni pallone".

Gennaio 1998: un traversone di sinistro dell'ex calciatore permise a Masinga di siglare il gol vittoria contro l'Inter di Ronaldo. "Quella gara fu davvero strana - ricorda Volpi -. L'Inter era uno squadrone. Prendemmo i tre punti grazie a una prestazione fantastica. Quel Bari era retto da tre colonne: Mancini, Ingesson e Masinga. È sconcertante parlare di ragazzi che adesso non ci sono più: Franco aveva una grande personalità ed era un maniaco del lavoro.  Klas era un ragazzo e calciatore unico. Erano i giocatori più importanti che, affiancati da giovani e altre ottime pedine, ci permisero di fare il salto di qualità necessario per arrivare all’obiettivo della permanenza".