L'eliminazione dalla Poule Scudetto ha dato il via alla costruzione della rosa del Bari 2019/2020. Sono già in corso le valutazioni da parte della dirigenza sui calciatori da dover confermare in vista del prossimo campionato di Serie C. Per saperne di più a riguardo abbiamo intercettato Giovanni Delle Vedove. Il procuratore di Feola, IadarestaNeglia non si è sbilanciato sul futuro dei ragazzi: "Mi incontrerò con la società a breve. In questo momento rischio di essere poco credibile con delle mie sensazioni. Non posso dire chi rimarrà. Prima bisogna parlare con il Bari e poi valuteremo i programmi futuri. Sicuramente hanno sposato progetto importante, privandosi della categoria (Feola e Neglia) o di poter fare tanti gol (Iadaresta). Vincendo il campionato, tutti hanno piacere a continuare questa cavalcata".

Buono, invece, il parere complessivo sulla stagione dei tre assistiti: "Tutti hanno cercato di essere disponibili e dare sempre una mano al 100%. Il campionato non si vince mai in 11, c'è bisogno di professionisti. Hanno avuto una stagione positiva in relazione al proprio ruolo poi è normale che tutti vorrebbero giocare sempre. Nel corso della stagione si trovano degli equilibri che vanno anche a discapito di qualcuno che dovrebbe avere più spazio. Ma è normale, fa parte del calcio". 

Sulle singole prestazioni: "Neglia ha disputato una stagione importante e si è sempre fatto trovare pronto, dando il suo contributo e sacrificando gli interessi personali di un attaccante. Penso abbia dimostrato grande attaccamento a squadra e progetto. Feola è un giocatore di indiscusse qualità e caratteristiche. Purtroppo ha avuto un infortunio alla spalla, che lo ha tenuto fuori due mesi. Ha dimostrato, seppur in pochissime partite, di essere molto valido, ha già militato in B e fatto benissimo in C. Iadaresta è stato preso a dicembre per sopperire ad un certo tipo di caratteristica. Quando è stato chiamato in causa, ha sempre risposto presente con qualche gol importante". 

Delle Vedove ha poi concluso l'intervento con una previsione riguardo i programmi della società: "Sappiamo che il Bari non si fermerà alla C. A mio parere uno zoccolo duro rimarrà. Ripartire da zero non è così semplice. Poi ovviamente farà investimenti importanti, prendendo dei calciatori che facciano la differenza in campionato. Partità sicuramente tra le favorite anche se si prospetta un girone molto complicato con diverse squadre importanti". 

Sezione: Esclusive / Data: Sab 25 Maggio 2019 alle 13:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print