Intervenuto ai microfoni di TuttoBari.com, Gigi Cagni, allenatore di Antenucci ai tempi dello Spezia durante la stagione di Serie B 2012/13, si è espresso così sull'attaccante della Spal, dato sempre più vicino al Bari.

"E' un attaccante di grande qualità. Nonostante io non l'abbia allenato per l'intera stagione nel 2013, essendo stato chiamato a guidare lo Spezia a campionato in corso, ne ho potuto apprezzare la voglia di vincere ed anche il suo "caratterino". Ultimamente è anche ulteriormente maturato, potendo avere ora dalla sua anche una grande esperienza. E' un ragazzo fantastico, anche dal punto di vista umano, sempre schietto e senza peli sulla lingua."

Cagni continua soffermandosi sull'utilità di Antenucci alla causa biancorossa: "Se un giocatore come Mirco rinuncia alla Serie A, lo fa perchè sa di venire a Bari per vincere, e avrà sicuramente avuto ampie garanzie al riguardo da parte della società"

L'allenatore entra poi nel merito della caratteristiche tecniche dell'attaccante della Spal: "lui nasce come seconda punta. Non va matto per il giocare troppo spalle alla porta e gli piace svariare sul fronte offensivo, trovarsi lui lo spazio, senza avere troppi vincoli. E' un giocatore che sa sempre quello che si deve fare. All'occorrenza può fare anche la prima punta, ma sicuramente non è il suo ruolo preferito, e ritengo che possa dare il meglio di se' qualora venisse affiancato da una punta di peso".

Cagni conclude con qualche cenno su Cornacchini: " Sono davvero contento che Giovanni sia stato confermato. Ho avuto il piacere di allenarlo e so quanto sia preparato e capace. Era un grande attaccante, anche più bravo di Antenucci (ride). Chiedete a Giovanni quanto può dare Antenucci al Bari. Se è lui a volerlo, allora vuol dire che è esattamente il giocatore che serve a questo Bari."

Sezione: Esclusive / Data: Dom 7 Luglio 2019 alle 13:30
Autore: Walter Franco
Vedi letture
Print