Le buone prestazioni di Pasquale Iadaresta non hanno destato alcuna sorpresa agli occhi di David Di Michele, che lo ha allenato nel 2017 in C tra le file della Lupa Roma. Il tecnico, attualmente nelle giovanili del Frosinone, si è così espresso sul centravanti in esclusiva ai nostri microfoni: "Pasquale è un giocatore importante per la Serie D e che ha sempre fatto tanti gol. Ha bisogno di giocare per entrare in condizioni. Molto forte fisicamente e quando c'è una palla in area di rigore la mette dentro, un cecchino. Chi lo ha preso ci ha visto lungo. In Serie D è un lusso, ora deve consacrarsi in C. Alla Lupa Roma, pur con qualche fatica (arrivato a metà stagione dal Fondi), diede il suo contributo. Ha sempre dimostrato grande attaccamento e che si sacrifica molto per la squadra. Non è un ragazzo che pretende di giocare. Oggi sembra tutto dovuto. Lui si suda tutto sul campo".

L'ex attaccante di Salernitana e Reggina ha poi commentato il campionato dei galletti, elogiando il lavoro di mister Cornacchini: "Sicuramente hanno fatto degli acquisti importanti per salire subito di categoria. Una squadra gloriosa e con una società molto solida alle spalle. Scelti giocatori e allenatore importante, un mix che ha permesso di lavorare in maniera giusta e adeguata. Stanno dimostrando di mantenere le aspettative iniziali anche se in Serie D non puoi mai distrarti. Cornacchini? E' un lusso sia in C che in D, dove ha fatto molto bene. Quest'anno ha fatto benissimo, vincendo il girone. Credo sia giusto confermarlo, sarebbe meglio darli un'altra chance. Inoltre già conosce la C. Poi la società ha i suoi piani e non compete a me dirlo". 

Di Michele ha poi concluso con un parere sull'arrivo in proprietà della famiglia De Laurentiis: "Le idee credo sia chiare per il futuro. Se hanno preso il Bari è per riportarlo dove merita. Di conseguenza hanno fatto un investimento importante in una piazza esigente. La tifoseria e tutta la città sono a favore e supportano la squadra con grande passione".

Sezione: Esclusive / Data: Gio 4 Aprile 2019 alle 20:00
Autore: Gianmaria De Candia
Vedi letture
Print