Protti a TuttoBari: "La C sarà difficile. Antenucci? La carriera parla..."

31.05.2019 16:00 di Walter Franco   Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Protti a TuttoBari: "La C sarà difficile. Antenucci? La carriera parla..."

Intervenuto ai microfoni di TuttoBari.comIgor Protti, ex bomber biancorosso, ha fatto il punto sulla prossima stagione che attende la squadra pugliese.

Igor, Il Bari si appresta ad affrontare un'altra stagione nella quale vorrà e dovrà essere protagonista. Cosa potrebbe servire alla squadra per la campagna di rafforzamento in vista del prossimo campionato?

"Il prossimo campionato di C sarà sicuramente molto difficile, probabilmente uno dei più difficili di sempre. Basti pensare a società e piazze come Foggia, Avellino ed una fra Catania e Trapani, solo per citarne alcune. Per poter primeggiare, la squadra dovrà sicuramente ripartire da una base collaudata, nella quale si è già potuta creare un mentalità vincente. Alcuni elementi sono sicuramente da riconfermare, in modo tale da poter costituire una struttura portante per la prossima stagione".

Che impronta dovrà dare mister Cornacchini alla squadra per poter recitare un ruolo da protagonista anche in C?

"Conosco bene il mister, avendoci giocato insieme. E' una persona seria ed un allenatore molto preparato. In più sa curare molto bene l'aspetto umano nei rapporti con i suo ragazzi. Nonostante possa essergli stata mossa qualche critica ciò che conta sono i risultati. Lui il suo l'ha ottenuto brillantemente e deve continuare così. Tutti vorremmo vedere la squadra per cui tifiamo vincere ed esprimere sempre un gioco spumeggiante, ma nella realtà ciò non è possibile in ogni partita. Cornacchini sa quello che va fatto e lo ha fatto molto bene durante la stagione appena conclusasi".

Uno dei nomi che sta circolando spesso ultimamente in ambito calciomercato è quello di Antenucci. Pensi sia ciò che faccia al caso del Bari per potenziare l'attacco?

"La carriera di Mirco parla da sola. Ha giocato in A, costituendo il punto di riferimento nell'attacco della Spal. E' un giocatore importante e sicuramente una garanzia per qualunque squadra nella quale possa militare. Importanti però non sono solo i giocatori che fanno gol, ma anche la squadra nella quale giocano, che deve essere in grado di supportarli adeguatamente per poterne esaltare le caratteristiche. Con la intenzioni palesate dalla proprietà della famiglia De Laurentiis, non ho dubbi sul fatto che verrà allestita una squadra completa e più che mai all'altezza del prossimo difficile torneo".