Stagione calcistica 1992-1993, il Bari appena retrocesso in Serie B dopo il quindicesimo posto della stagione precedente andò a cercare in Brasile il suo allenatore. Il presidente Matarrese, infatti, si affidò al tecnico Sebastiao Lazaroni, che solo tre anni prima aveva collezionato un ottimo risultato sulla panchina della sua Nazionale.

Alla guida del Brasile trainato dai gol di Romario e Bebeto, infatti, aveva centrato il successo nella Copa America del 1989. Lazaroni aveva poi lasciato il suo ruolo da Commissario Tecnico dopo il deludente campionato mondiale in Italia del 1990, in cui la formazione verdeoro è stata eliminata al secondo turno. 

Conclusa l'esperienza nel mondiale italiano, Lazaroni decise di restare in Italia sedendosi sulla panchina della Fiorentina, prima di passare appunto al Bari. Per tentare l'immediato ritorno in massima serie, Matarrese aveva scelto di puntare su due calciatori che avrebbero scritto pagine importanti della storia del calcio a tinte biancorosse: Igor Protti e Sandro Tovalieri

Sfortunatamente, il Bari non ingranò la giusta marcia e dopo diciotto partite il tecnico brasiliano fu sollevato dal suo incarico e la panchina venne affidata a Giuseppe Materazzi, che mancò comunque la promozione. Lazaroni ha poi proseguito la sua avventura in diverse squadre: la sua ultima esperienza risale al 2016, quando ha guidato il Qatar SC, nel campionato dell'omonima nazione.

Sezione: Amarcord / Data: Mer 09 dicembre 2020 alle 22:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print