La piazza biancorossa ribolle e chiede chiarezza, la dirigenza lavora dietro le quinte lasciando filtrare indiscrezioni circa possibili cambi in panchina e stravolgimenti nell'assetto societario. Sono trascorse così le prime, difficili, settimane del Bari che si è riscoperto fragile e necessitato a riprogrammare una nuova stagione in Serie C, che nasconde insidie ed incertezze e che non potrà riservare ulteriori fallimenti.

Ed allora la richiesta che si è sollevata dai tifosi è stata quella relativa alla chiarezza. Ed è qualcosa a cui la società non potrà sottrarsi, qualunque sia la scelta che verrà operata per quanto riguarda il futuro dell'allenatore e della società. Una chiarezza che non deve riguardare solo le decisioni ed il come queste vengono effettuate, ma dovrà rispondere alla domanda principale, quella relativa al perché.

Sarà questa la questione fondamentale, che la società dovrà spiegare: perché in fondo, come narra magistralmente Douglas Adams nella "Guida Galattica per Autostoppisti", l'errore principale sta proprio nello sbagliare quelle che sono le domande giuste. Esonerare Vivarini non è giusto o sbagliato in sé, lo diventa in base agli obiettivi, così come un discorso simile vale nel caso in cui dovesse essere scelto un nuovo tecnico (che potrebbe essere Auteri, ora dato in pole).

Con Vincenzo Vivarini il Bari aveva intrapreso un percorso, pieno di errori e di insidie, ma che qualche risultato l'aveva portato. Certamente se si decidesse di proseguire con il tecnico la squadra andrebbe migliorata, ma la formazione biancorossa avrebbe fondamenta solide su cui ripartire. Contrariamente si dovrebbe ricominciare da zero, ma altri allenatori potrebbero sfruttare al meglio il materiale a disposizione.

Insomma, sapere cosa si fa è importante, sapere il perché lo si fa è fondamentale. E fa tutta la differenza fra una buona società ed una destinata a volare in alto. Su questo punto serve chiarezza, anche solo per ristabilire il rapporto di fiducia con i tifosi, che sembra incrinato.

Sezione: Focus / Data: Mer 12 agosto 2020 alle 22:00
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print