Simeri-Neglia-Floriano tridente delle meraviglie. Metà dei gol sono loro

11.12.2018 10:00 di Francesco Serrone   Vedi letture
Simeri-Neglia-Floriano tridente delle meraviglie. Metà dei gol sono loro

L'arrivo di Iadaresta nel corso della sessione invernale di calciomercato ha infoltito ulteriormente un reparto avanzato per il quale sin dai primi giorni di ritiro si è capito che tutti avrebbero dovuto sgomitare per poter ottenere una maglia da titolare. L'ex attaccante del Latina è la classica punta strutturata (1,92 metri per 85 kg) i cui punti di forza non possono che essere grande forza fisica e abilità nel gioco aereo. Un elemento che mancava a mister Cornacchini che aveva chiesto alla società un giocatore con queste caratteristiche per far fronte ad avversari che puntavano esclusivamente a chiudersi in difesa per uscire indenni dalla sfida coi biancorossi. Detto fatto, adesso il tecnico può contare su una batteria di otto attaccanti, tutti potenziali titolari. L'impressione è che anche Iadaresta dovrà lavorare sodo, al pari dei suoi colleghi di reparto, per provare a ritagliarsi uno spazio. Al momento infatti le gerarchie sembrano ben definite.

GOL A RAFFICA - Il Bari ha il miglior attacco del girone, nonché il quarto di tutta la serie D (solo Adriese, Lecco e Picerno hanno fatto meglio), e visto il valore della rosa a disposizione del tecnico è facile intuirne i motivi. A fare la parte del leone, in una squadra che ha già mandato in rete ben dodici giocatori, il tridente composto da Simeri, Neglia e Floriano. I tre hanno messo a segno la metà delle reti realizzate dal Bari in queste quattordici giornate di campionato (16 su 32, ndr). Il peso specifico dell'importanza della loro presenza in campo aumenta ancor di più se si dovessero prendere in considerazione anche gli assist (10) con cui hanno mandato in rete i compagni. Concentrandosi sulle sole marcature al primo posto c'è Simeri a quota sei, seguito da Neglia e Floriano fermi entrambi a quota 5. Niente male davvero se si considera che Simeri ha avuto un breve periodo di appannamento tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre e che Floriano ha saltato tre gare per infortunio.