Il Bari di Gaetano Auteri ha fatto un salto di qualità rispetto a quello della scorsa stagione? Fare paragoni non è semplice per diversi motivi: innanzitutto nel campionato precedente c'è stato un cambio in panchina dopo poche giornate, che ha influito sul rendimento di una squadra che Vincenzo Vivarini non ha potuto costruire pienamente a sua immagine e somiglianza.

Poi perché il torneo in corso è stato caratterizzato dallo stravolgimento dei tempi dovuto al Covid, che ha portato a nuove abitudini di vita e di lavoro in settimana. Ma al netto di questo, un piccolo confronto è comunque possibile, paragonando la situazione in classifica dei due Bari a questo punto della stagione. 

Dopo diciassette partite, il Bari di Vincenzo Vivarini era quinto in classifica con trentatre punti, a dieci lunghezze di distanza dalla Reggina capolista e dietro anche rispetto a Monopoli, Ternana e Potenza. Adesso la formazione biancorossa ha due punti in più (sono trentacinque) e si trova in seconda piazza, a -8 dalla vetta.

I numeri sono simili anche per quanto riguarda le altre statistiche, con un lieve miglioramento nel campionato in corso. I ventotto gol segnati nella scorsa stagione sono divenuti trentuno, ma se sono cresciute anche le reti subite (da dodici a quattordici). Auteri vanta anche una vittoria in più rispetto a Vivarini, che aveva sei pareggi contro i cinque dell'attuale tecnico. Due le sconfitte in entrambi i campionati.

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 15 gennaio 2021 alle 20:30
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print