Anche un integralista del 3-4-3, come Gaetano Auteri, può vagliare tutte le opzioni possibili, per ridare al suo Bari lo slancio giusto per riportarlo in cima alla graduatoria, ora appannaggio della Ternana. Il mister si è accollato ogni responsabilità per lo scivolone interno con gli umbri, e di questo gesto gli va dato atto.

In questo quadro, l’ipotesi di variare il modulo-base, come è accaduto solo a sprazzi in alcune gare, suscita curiosità. Lo stesso tecnico, interrogato sul punto, ha ammesso di avere alle proprie dipendenze una compagine duttile, in grado di occupare il campo anche in modo diverso dall’attuale. Ma come cambierebbe il Bari con nuovi vestiti?

La possibilità, ad esempio, di schierarsi con 4 difensori, in un 4-3-3, permetterebbe ai pugliesi, in un ipotetico undici titolare, di affidarsi in mezzo all’esperienza di Di Cesare ed alla verve di Celiento, o alla gioventù di Minelli, relegando momentaneamente in panchina Sabbione e Perrotta, comunque squalificato per la trasferta di Caserta. Entrambi non sono, al momento, in buone condizioni fisiche. I possibili terzini sarebbero in tal caso D’Orazio e Ciofani. In mezzo al campo il Bari giocherebbe con tre effettivi. Per il terzetto in avanti, ampia scelta, con 7 calciatori intercambiabili tra loro

Ipotizzare uno schieramento iperoffensivo, ovvero un 4-4-2, con esterni di centrocampo alti come D’Ursi e Citro, è ad oggi quasi fantacalcio. Più equilibrato, invece, sarebbe il passaggio al 4-3-1-2. Accanto ad Antenucci, potrebbe trovar posto un centravanti fisico, come Montalto o Candellone, e la coppia sarebbe assistita sulla trequarti da Marras

L’abbondanza di terzini in rosa, in ogni caso, potrebbe consentire con una veste tattica simile un minutaggio maggiore per gente ora nel dimenticatoio, come Andreoni e Corsinelli, fino ad adesso utilizzati poco, tra guai fisici e scelte tecniche. Tutte ipotesi, e varianti, di un Bari che vuol donarsi nuovi stimoli e tornare a correre.

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 19 novembre 2020 alle 18:00
Autore: Giovanni Gaudenzi
Vedi letture
Print