Intervenuto sulle frequenze di RadioBari, il centrocampista Raffaele Bianco ha parlato della sfida vinta ieri contro la Virtus Francavilla: "Siamo partiti fortissimo, come ci aveva chiesto il mister, imponendo il gioco, mettendo in atto il suo credo. Poi ci siamo un po' rilassati e abbiamo regalato due gol, non deve accadere: sul 3-0 bisogna se possibile incrementare il vantaggio senza smettere di portare pressione alta. Ci teniamo i tre punti ma sappiamo che il cammino è appena iniziato".

"E' stata una questione di leggerezza nel leggere i momenti, più che una questione fisica. Il nuovo modulo? Cambia parecchio, in due a centrocampo ci troviamo ad occupare uno spazio più ampio. Dal punto di vista del possesso è qualcosa che ti coinvolge tantissimo: sei sempre a dominare, lo senti, è questo che impressiona", la valutazione di Bianco.

Il centrocampista prosegue: "Ho sempre avuto allenatori abbastanza equilibrati tra fase difensiva e offensiva. E' un modo nuovo di giocare questo: la storia parla per il mister, ora dobbiamo esaltare al meglio il suo credo. D'Ursi? Lo conoscevamo, l'anno scorso ha avuto problemi, quest'anno è partito forte con un allenatore che lo conosce. Lui è stato bravo, non si è seduto, si è impegnato, deve migliorare ancora tanto, ma l'inizio è promettente: ci aspettiamo faccia grandi cose, speriamo possa continuare così".

Bianco analizza i primi risvolti a livello di campionato:"Le prime giornate sono sempre strane, in tutte le categorie, ci sono risultati un po' così, a causa delle squadre non complete. Il Monopoli? E' una continua conferma, hanno continuato con l'allenatore dell'anno scorso e con una buona base di calciatori".

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 28 settembre 2020 alle 09:10
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print