Con la ripresa degli allenamenti di ieri pomeriggio, è tornato a disposizione di Vivarini Eugenio D'Ursi. L'ex Catanzaro, pagato in estate 1 milione di euro dal Napoli e poi girato in prestito al Bari, deve ancora dimostrare di valere l'esborso economico fatto dalla famiglia De Laurentiis. D'Ursi è già andato in gol questa stagione: ha infatti siglato la rete del definitivo 2-0 nella gara a Lentini contro la Sicula Leonzio, match d'esordio dei galletti in Serie C guidati ancora da mister Cornacchini.

Con l'avvento di Vivarini D'Ursi non ha mai potuto mettersi in mostra visto l'infortunio che lo ha perseguitato dopo la gara contro il Picerno. E' però rilevante un dato: nel match d'esordio di Vivarini contro il Monopoli, dopo un solo allenamento a disposizione, D'Ursi venne schierato in attacco come partner di Antenucci. La sua prestazione non fu eccelsa, però la stima e la fiducia del mister verso di lui è tangibile. Ed è un peccato che proprio qualche giorno dopo è arrivato l'infortunio che ne ha compromesso buona parte del girone d'andata.

E adesso? Vivarini è passato al 4-3-1-2 quindi tecnicamente per l'ex Catanzaro non dovrebbe cambiare granché. Se Vivarini lo dovesse continuare a vedere bene come partner di Antenucci, allora D'Ursi lotterebbe con Simeri per il posto a fianco del bomber ex Spal. D'Ursi nasce come ala d'attacco, ed è dotato di un grande dribbling e di un ottimo tiro. E chissà allora che Vivarini non lo provi da trequartista, visto che il Bari è sprovvisto di un giocatore in quel ruolo.

Di recente Sarri, allenatore della Juventus, ha detto che Douglas Costa, giocatore che rispecchia (con le dovute proporzioni) le caratteristiche dell'ala biancorossa, sarebbe perfetto per il ruolo dietro le punte nel 4-3-1-2 bianconero. E allora non sarebbe un'eresia se Vivarini, che è stato vice di Sarri, prendesse nuovamente spunto dal suo maestro.

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 27 Novembre 2019 alle 12:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print