Sarà ancora Vincenzo Vivarini a guidare i biancorossi durante la prossima stagione? Difficile a dirsi, soprattutto in giornate turbolente come queste, dove dietro le quinte si lavora per definire i quadri del Bari che sarà. Certamente il tecnico ha buone possibilità di restare in sella, avendo dalla sua numeri che tutto sommato possono considerarsi positivi, nonostante qualche pareggio di troppo ed il flop nella partita decisiva, contro la Reggiana.

Ma come sono andati i tecnici in passato riconfermati durante l'estate? Considerando un range temporale che comprende gli ultimi dieci anni, il primo a restare in sella è stato Giampiero Ventura. Non poteva essere altrimenti, dato che l'allenatore veniva da una delle migliori stagioni della storia del club, ma ciò non impedì il flop nel campionato successivo, concluso con l'esonero e la retrocessione. 

Dei restanti tre tecnici confermati durante l'estate, due sono stati sollevati dall'incarico in corso d'opera: è stato il destino di Davide Nicola e Giovanni Cornacchini. Il primo, subentrato a Mangia nell'annata 2014-15, aveva iniziato il campionato successivo in maniera positiva, mantenendosi costantemente nelle posizioni di vertice. Un trittico di tre sconfitte consecutive subite dalla squadra prima della sosta invernale, però, portò la società a virare su Stefano Colantuono.

La storia di Cornacchini è nota a tutti, essendo la più recente in ordine temporale. Il tecnico di Fano aveva iniziato l'ultima stagione alla guida dei biancorossi, dopo aver vinto la Serie D, ma un pessimo avvio di campionato ha portato la società all'esonero, con la panchina affidata all'attuale allenatore, Vincenzo Vivarini.

L'unico tecnico capace di migliorarsi è stato Vincenzo Torrente: tredicesimo in classifica nella stagione 2011/2012, riuscì a chiudere decimo nel torneo successivo (con sette punti di penalizzazione, senza avrebbe chiuso a ridosso dei playoff).

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 10 agosto 2020 alle 22:30
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print