La gara con il Rieti di domenica prossima rievoca piacevoli ricordi nella mente dei tifosi biancorossi. Un girone fa, infatti, il Bari riuscì ad espugnare il 'Manlio-Scopigno' di Rieti solo con un rigore all'ultimo secondo di Mirco Antenucci. La squadra guidata da mister Cornacchini veniva da una clamorosa e inattesa debacle interna contro la Viterbese e proprio non poteva permettersi di perdere punti in terra laziale.

La partita. Gli amarantocelesti passarono in vantaggio nel primo tempo grazie alla rete di Marcheggiani - ex capocannoniere della squadra vista la cessione nel mercato di riparazione al Pesaro - su un calcio di rigore assai contestato. La truppa biancorossa non riuscì mai a rendersi pericolosa nel prosieguo, finché una scellerata entrata da tergo di Tirelli costò l'espulsione al laziale. Il Rieti si difese così con tutti i suoi effettivi in dieci contro undici.

Cornacchini vinse la partita con i cambi: grazie agli ingressi di Ferrari e Corsinelli il Bari prima pareggiò con l'unica rete in campionato del Loco, e successivamente, in un'azione di contropiede all'ultimo secondo, l'attaccante argentino si guadagnò un calcio di rigore, che bomber Antenucci trasformò glacialmente. 

A distanza di mesi le situazioni delle due squadre sono totalmente opposte, con il Rieti completamente rimaneggiato e il Bari con un nuovo allenatore e nuove idee di gioco. C'è da augurarsi allora una vittoria con molta meno fatica di quanto fatto all'andata.

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 15 gennaio 2020 alle 17:00
Autore: Claudio Mele
Vedi letture
Print