A Rainews24 le parole di Damiano Tommasi, presidente dell'Associazione calciatori: "E' più facile dire non prima del... Come hanno già deciso in altri paesi. La notizia di ieri della UEFA di provare a chiudere entro il 3 agosto ci dà un limite temporale. Il tema è questo: se abbiamo tempo di chiudere i campionati, è ovvio che tutti vorremmo farlo. Ma il processo decisionale oggi parte dalla comunità scientifica e speriamo ci siano le condizioni per ripartire per chiudere prima del 3 agosto, così come chiesto dall'UEFA. Con la Lega Pro abbiamo provato una soluzione collettiva. Con la Lega Serie A non siamo entrati nei dettagli, anche perché le prime scadenze sono il 20 aprile. Oggi non sappiamo se si chiuderà prima, anche perché la UEFA e l'ECA chiedono di provare a chiudere le stagioni. I calciatori come sempre fatto, faranno la loro parte. Il Monza? Sono accordi che singolarmente i club cercano con i propri tesserati. Noi con la Lega Pro parliamo soprattutto dei redditi più bassi che rischiano di non essere rispettati per la crisi. Vogliamo tutelare questi stipendi che non sono paragonabili a quelli dei grandi campioni. Il 60-70% dei calciatori in Lega Pro guadagna meno di 50mila euro lordi. Sono tanti i ragazzi che oggi non hanno una prospettiva, la Serie D conta 160 squadre su tutto il territorio e sarà difficile trovare una situazione di sicurezza su tutto il territorio. E questo mette in difficoltà tutti", riporta tuttomercatoweb.

Sezione: News / Data: Dom 05 aprile 2020 alle 17:00
Autore: Redazione TuttoBari
Vedi letture
Print