Storico giornalista della Gazzetta dello Sport e penna esperta di Serie B e Serie C, Nicola Binda è intervenuto ai nostri microfoni per parlare dei biancorossi. Ecco le sue parole: “I primi problemi del Bari sono nati quando la Ternana ha dimostrato di essere più forte: i biancorossi non hanno accettato di avere un competitor più forte e si son fatti prendere dal nervosismo e dalla frenesia vivendo male questa situazione. Bisognava accettare l’inferiorità, riconoscere i meriti alla Ternana legittimati anche nello scontro diretto e tenere la barra dritta puntando al secondo posto. La delusione della piazza, la preoccupazione e l’agitazione hanno portato a questa situazione: a Bari quando le cose non vanno bene le preoccupazioni diventano dei macigni ed in questo momento gestire questa situazione non è semplice. L’obiettivo ora è quello di arrivare secondi e di ritrovare entusiasmo”.

Binda ha poi commentato l’ingaggio di Carrera: “Questa è una scelta che va letta ad ampio raggio, è una scelta fatta per lanciare un segnale di distacco dal Napoli. A livello manageriale le due squadre son sempre state gestite in sintonia mentre ora mi sembra che il Bari si voglia un po’ staccare dalla casa madre e camminare con le proprie gambe. Una mossa del genere fatta a metà stagione conferma la frenesia e la preoccupazione che non aiuta sicuramente”.

Sezione: Esclusive / Data: Lun 08 marzo 2021 alle 20:00
Autore: Alessio D'Errico
Vedi letture
Print