Mister Auteri e la sua squadra hanno ben chiaro in testa quale dovrà essere l'obiettivo nelle prossime settimane: lottare ogni partita per recuperare il divario che separa la formazione biancorossa da una vetta occupata momentaneamente dalla locomotiva Ternana, attualmente saldamente in cima alla graduatoria. Se come ha affermato lo stesso Bianco dopo la gara con la Casertana, questo Bari "non è ancora una squadra", per tenere testa agli umbri servirà uno scatto di qualità in più.

Soprattutto dal punto di vista della continuità, forse vero tasto dolente in questa prima parte di stagione di un Bari che non è mai riuscita a centrare un filotto di successi. Se al comando c'è una Ternana reduce da ben otto vittorie in serie, la banda di Auteri non ha mai raccolto tre punti per più di due gare consecutive, incappando in pareggi e sconfitte proprio quando chiamata al definitivo salto di qualità.

Dopo aver raccolto due importanti vittorie esterne contro Cavese e Viterbese, ad esempio, il Bari è stato fermato sullo 0-0 in casa del Monopoli, e se i successi contro Juve Stabia Potenza hanno riscattato l'opaca prestazione di Foggia, a questi è seguito l'ennesimo tonfo con la Ternana.

Per capire quanto è fondamentale trovare la giusta continuità basta ricordare cosa è accaduto nella passata stagione, quando la Reggina ha aperto il gap nei confronti del Bari proprio sfruttando i frequenti pareggi della formazione biancorossa. Non è un caso che la formazione pugliese si sia avvicinata ai calabresi proprio nell'unica occasione in cui è stata in grado di collezionare un filotto di quattro vittorie consecutive.

Per centrare un obiettivo difficile, dunque, bisogna ragionare da grande: ed una squadra che ambisce ad esserlo ha bisogno di vincere sempre, in ogni circostanza e contro qualunque avversario.

Sezione: Focus / Data: Mar 24 novembre 2020 alle 20:30
Autore: Raffaele Digirolamo
Vedi letture
Print